Lubrificanti per Mandrini ad alta velocità

 Categoria: Lubrificanti Industriali

I lubrificanti Mobil della serie Velocite sono fluidi speciali sviluppati per la refrigerazione e protezione antiusura dei mandrini veloci dei moderni centri di lavoro.

Sono formulati con basi idrocarburiche di elevatissima qualità, a elevato grado di purificazione, integrati da una adeguata additivazione atta a risolvere le problematiche di refrigerazione e lubrificazione dei cuscinetti a tolleranza ridotta delle moderne macchine utensili operanti nelle condizioni più critiche.

I Velocite 3, 4, 6 e 10 grazie alla elevata qualità delle sostanze idrocarburiche scelte per le singole formulazioni, caratterizzate da ristretti intervalli di distillazione e tenore di IPA (idrocarburi policiclici aromatici) inferiore ai limiti di rilevabilità, assicurano i seguenti vantaggi operativi:

  • ottimo potere refrigerante
  • elevata stabilità chimico fisica
  • elevata protezione degli organi meccanici
  • efficace separazione dall’acqua

Le principali applicazioni sono:

  • Cuscinetti di mandrini ad alta velocità in macchine utensili e macchinari con alte velocità e giochi ridotti
  • Mole di precisione, torni, alesatrici e meccanismi traccianti
  • Mobil Velocite No. 3 è raccomandato per i cuscinetti dei mandrini a “gioco zero” che operano con giochi estremamente ridotti
  • Per cuscinetti di mandrini a manicotto che hanno giochi più grandi, la scelta della viscosità dipende dal rapporto tra gioco e velocità del mandrino
  • Impianti idraulici a bassa pressione con scelta della viscosità appropriata
  • Oliatori per aria compressa (Mobil Velocite Oil No. 10)
  • Per alcuni strumenti sensibili come telescopi, apparecchiature di laboratorio, ecc.

L’IMPORTANZA DELL’ACQUA NELLE EMULSIONI

 Categoria: Lavorazione Metalli

I fluidi per la lavorazione metalli diluibili in acqua sono prodotti molto complessi a livello formulativo che vanno diluiti in acqua in percentuali che possono variare dal 3% al 12%. Dal momento che l’acqua è l’elemento prevalente delle emulsioni preparate, ne consegue che le sue caratteristiche hanno una importanza determinante sotto tutti i profili, sul comportamento e la stabilità delle emulsioni stesse. In particolare non vanno sottovalutate le seguenti caratteristiche:

PUREZZA

Non è corretto utilizzare acque di superficie non trattate, data la certa presenza di contaminanti e microrganismi. L’acqua utilizzata deve essere di tipo potabile.

DUREZZA

Con il termine durezza dell’acqua si intende il contenuto di calcio e magnesio che vi sono disciolti. Questi Sali possono reagire con gli emulgatori e altri componenti presenti nel formulato, formando sostanze insolubili che si manifestano sotto forma di schiuma o depositi appiccicosi. Se questi fenomeni si manifestano, anche la stabilità dell’emulsione è influenzata negativamente.

La durezza generalmente si misura in gradi idrometrici, ed ha un valore diverso a seconda che si faccia riferimento al Grado Francese, Inglese o Tedesco. La durezza ideale dell’acqua di preparazione dovrebbe essere contenuta tra 10 e 20 gradi Tedeschi, pari a 17,8 e 35,6 gradi Francesi.

Acque troppo dolci danno problemi di schiumeggiamento.

Acque eccessivamente dure danno problemi di stabilità dell’emulsione, in particolare le principali anomalie operative che si possono manifestare sono:

  • Formazione di creme che si formano in superficie rendendo difficile l’areazione e scambio di ossigeno, con conseguente sviluppo di flora batterica.
  • Scarsissima detergenza della macchina utensile.
  • Rilascio di depositi grassi.
  • Possibile progressiva rottura dell’emulsione.
  • Rischio di fenomeni di ruggine.

TEMPERATURA

Come detto le emulsioni sono prodotti complessi e delicati pertanto si sconsiglia, nella preparazione della stessa, l’impiego di acqua a temperatura eccessivamente bassa, in particolare se inferiore a quella del concentrato.

ALCALINITA’ E ACIDITA’

L’acqua utilizzata per la preparazione dell’emulsione deve avere reazione neutra, ovvero PH circa 7.

Il mercato dei fluidi per metalworking in Europa

 Categoria: Lavorazione Metalli

La domanda globale di fluidi per la lavorazione metalli nel 2012 fu approssimativamente pari a 2,2 milioni di tonnellate. Questo volume rappresenta un mercato essenzialmente piatto comparato al 2007 quando la domanda fu all’incirca di 2,3 milioni di tonnellate. L’Europa con Russia e Turchia rappresenta il 26% della domanda totale. L’Asia è il mercato più grande con il 42% circa, seguita dal Nord America con il 28%.

Globalmente, i fluidi per l’asportazione metallo (o refrigeranti) rappresentano più della metà del consumo totale di fluidi per il metalworking. I fluidi per la formatura metalli, che includono gli oli per laminazione, per imbutitura e stampaggio e i fluidi per forgiatura rappresentano il 30% della domanda totale. I fluidi protettivi contano il 12% e quelli per il trattamento termico il 9%.

Il consumo dei fluidi per lavorazione metalli in Europa ha segnato un aumento dell’1,5% nel 2013 sul 2012. La presenza di una industria automobilistica importante determina il consumo di fluidi per il metalworking nei principali mercati Europei, che includono Russia, Germania, Francia, Italia e Regno Unito. Questi cinque mercati rappresentano il 72% della domanda nella regione. Oltre a ciò, la Russia è uno dei produttori principali al mondo di acciaio e alluminio, la Germania ha una quota rilevante della produzione europea di metalli, e il Regno Unito possiede una vivace industria aerospaziale e navale. Tutto quanto sopra contribuisce alla domanda di fluidi per la lavorazione metalli.

I fluidi per asportazione, la principale categoria con il 56% dei volumi e del valore, insieme ai fluidi protettivi, mostrano la crescita più forte in Europa. I fluidi per la formatura mostrano una crescita moderata e i fluidi per il trattamento metalli sono calati lentamente a causa dei costi innescati dall’aumento delle polizze per la sicurezza antincendio che hanno favorito il passaggio dagli oli interi minerali ai fluidi sintetici. Questo passaggio a sua volta dovrebbe ridurre il consumo generale dei fluidi per il trattamento metalli.

Domanda di additivi

Il consumo globale di additivi per metalworking conta in circa 575.000 tonnellate. Le principali categorie di additivi includono gli inibitori di corrosione, gli emulatori, i riduttori di attrito e gli agenti per estreme pressioni. Tutte assieme queste 4 categorie rappresentano l’80% della domanda totale di additivi per il metaworking. I cambiamenti negli additivi sono governati principalmente da considerazioni legate alla salute, alla sicurezza e all’ambiente. Per esempio, l’utilizzo di cloro paraffine a catena molecolare corta è ristretta o completamente vietata. Questi additivi sono stati sostituiti da molecole a catena media o lunga. Comunque le sostituzioni non sono state così efficaci  nel fornire una protezione adeguata alle estreme pressioni. La conseguenza è stata una crescita della quantità di additivi. I composti di fosforo e zolfo sono stati utilizzati come sostituti, ma essi stessi comportano delle problematiche. Il fosforo promuove l’attività batterica mentre lo zolfo ha un odore spiacevole.

Oltre alle cloro paraffine è stato ristretto in generale l’utilizzo di metalli. C’è anche una riduzione nell’utilizzo delle ammine secondarie e dei biocidi donatori di formaldeide. Questi fattori   legati a salute, sicurezza ed ambiente sono in campo da almeno 10 o 15 anni. Comunque, se le restrizioni non sono nuove, la riduzione dell’impiego delle molecole indesiderate globalmente è stato piuttosto lento.

Lo sviluppo di nuovi prodotti in Europa in particolare sono principalmente focalizzati allo sviluppo di nuove tecnologie per l’introduzione del REACH e altri regolamenti. La maggior parte dei nuovi prodotti lanciati in Europa recentemente sono basati su:

  • Tecnologie boro, cloro, e ammine free
  • Tecologie legate alle ammine cicliche
  • Tecnologie prive di etichettature di rischio
  • Emulsione di oli base di gruppo II e III
  • Fluidi con un minore potere macchiante
  • Materiali vegetali base esteri

Tutte le aziende europee devono seguire la legislazione Reach che si applica agli ingredienti utilizzati per la produzione dei fluidi per la lavorazione metalli. In particolare il REACH è più problematico per i fluidi emulsionabili rispetto agli oli interi, a causa del maggior numero di ingredienti nella loro formulazione. Altri regolamenti che influenzano i produttori di fluidi per il metalworking e sono seguite in tutti i paesi dell’Unione Europea include la “direttiva sui battericidi” e l’adaptation to technical progress.

Produttori

In Europa le vendite di fluidi per metalworking sono dominate da 4 aziende: Houghton, BP Castrol, Fuchs e Quaker. Dopo l’acquisizione dalla Shell nel 2012 del settore metalworking, Houghton è diventata il leader di mercato in Europa. Comunque, prese tutte assieme, queste quattro aziende raggiungono a malapena il 40% della produzione europea.  Questa struttura produttiva frammentata è dovuta al fatto che l’industria dei fluidi per metalworking comprende una vasta gamma di prodotti che riflettono la grande varietà di lavorazioni, materiali utilizzati, condizioni operative, prestazioni richieste e altri fattori. L’assenza di prodotti standardizzati implica che l’industria non ha significative economie di scala, la conseguenza è una base produttiva frammentata.

Prospettive

Oltre alla ripresa dalla recessione e la continua crescita dei settori automobilistico, dei macchinari e dei metalli primari in molti paesi europei, gli eventi chiave che guideranno la crescente produzione industriale sono i progetti infrastrutturali in Russia, Polonia, Romania, Bulgaria e Turchia. Un fattore addizionale è il settore delle costruzioni di immobili nel Regno Unito, che ha visto una crescita positiva dalla seconda metà del 2013. Sulla base di una ricerca in corso tra produttori ed utilizzatori finali, Kline prevede una crescita moderata nell’industria del metalworking, con il consumo globale che raggiungerà 2,4 milioni di tonnellate nel 2022. Mentre superficialmente l’industria sembra essere matura, sono in corso diversi trends interessanti:

  • Cambio dei fluidi base: a causa dei problemi di disponibilità, l’uso di basi API di gruppo I è in calo, e l’uso di basi hydrocracked è in crescita. Questo cambiamento porterà a vantaggi e svantaggi. Basi minerali di gruppo II/III e oli vegetali stanno entrando in molte formulazioni.
  • Crescita degli oli interi: i fluidi solubili in acqua sono preferiti a causa dei loro minori costi di esercizio. In ogni caso presentano diversi problemi di gestione. Gli oli interi sono più facili da mantenere, durano di più e sono più semplici da riciclare. Al contrario i fluidi emulsionabili possono essere costosi da utilizzare se si considerano i costi del trattamento e del riciclo.
  • Trends manufatturieri: La tendenza all’outsourcing dei paesi sviluppati sta diminuendo e potrebbe invertirsi a causa della recessione che ha creato un cambio nel modo di pensare dei paesi ricchi. C’è un desiderio accresciuto di proteggere il settore manufatturiero per trattenere conoscenze e crare lavoro.

Inoltre i maggiori costi di logistica, le complessità dei trasporti, il furto delle proprietà intellettuali, i crescenti costi del lavoro, la minor produttività e (in Cina) un apprezzamento della valuta rendono l’esternalizzazione delle produzioni sempre meno attraenti. L’inversione della delocalizzazione avrà due effetti. Per prima cosa l’attività manufatturiera nei paesi industrializzati si stabilizzerà o crescerà con un corrispondente impatto sul consumo dei fluidi per la lavorazione metalli. Per seconda cosa i produttori a basso costo asiatici cercheranno di salire sulla catena di valore globalizzando le loro attività per continuare a crescere. Questo li costringerà a modernizzare i loro processi produttivi e prestare maggiore attenzione a salute, sicurezza e fattori ambientali. A sua volta questo creerà l’opportunità di commeercializzare fluidi per il metalworking di maggiore qualità, perfino in mercati di bassa qualità.

(tratto da Lubes’n’greases Europe – Novembre 2014)

Gli oli base dei lubrificanti

 Categoria: Lubrificanti Industriali

L’ingrediente principale nella maggioranza dei lubrificanti è la “base lubrificante” che rappresenta generalmente dal 70 al 99% del prodotto finito e che può derivare dal petrolio o essere di origine sintetica.
Basi minerali
Le basi minerali sono una miscela di idrocarburi ottenuta dal greggio dopo diverse e complesse operazioni di raffinazione. Sono di gran lunga le basi più utilizzate, tanto nelle applicazioni automobilistiche quanto in quelle industriali.
Basi di Sintesi
Le basi di sintesi o sintetiche sono prodotti ottenuti mediante reazioni chimiche di parecchi componenti. Nella formulazione dei lubrificanti si ricorre a due grandi famiglie di prodotti:
• Gli esteri
• Gli idrocarburi di sintesi e in particolare le olefine polialfa prodotte dall’etilene.
Questi prodotti presentano eccellenti proprietà fisiche e un’eccezionale stabilità termica. Il loro utilizzo è in forte crescita soprattutto nel settore automobilistico.
Va notato che esistono anche oli detti semisintetici, ricavati dalla mescolanza dei due tipi summenzionati (di norma, 70-80% di olio base minerale e 20-30% di olio base sintetico).

L’American Petroleum Institute (API) ha classificato gtli oli base in cinque categorie. I primi tre gruppi sono raffinati dal petrolio greggio. Oli base del gruppo IV sono oli completamente sintetici (polialfaolefine). Il gruppo V è per tutti gli altri oli base non compresi nei gruppi da I a IV.

Gruppo I

Gruppo I oli base hanno una quantità inferiore al 90 per cento di composti saturi, maggiore di 0,03 per cento di zolfo e con un indice di viscosità tra 80 a 120. Gli oli base del gruppo I sono raffinati ai solventi, un processo di raffinazione semplice. Questo è il motivo per cui sono gli oli base più conveniente sul mercato.

Gruppo II

Gli oli base del gruppo II hanno una quantità superiore al 90 per cento di saturi, meno dello 0,03 percento zolfo e un indice di viscosità di 80 a 120. Essi sono spesso fabbricati da hydrocracking, che è un processo più complesso di quello che viene utilizzato per gli oli base del gruppo I. Poiché tutte le molecole di idrocarburi di questi oli sono saturi, gli oli base del gruppo II hanno migliori proprietà antiossidazione. Hanno anche un colore più chiaro e costano di più rispetto agli oli base di gruppo I. Eppure gli oli base di gruppo II stanno diventando molto comuni oggi sul mercato e hanno un prezzo molto vicino a oli Gruppo I.

Gruppo III

Gli oli base di gruppo III una quantità superiore al 90 per cento di saturi, inferiore al 0,03 per cento di zolfo e hanno un indice di viscosità superiore a 120. Questi oli sono raffinati anche più degli oli base del gruppo II e in generale sono severamente idrocraccati (maggiore pressione e calore). Questo processo è progettato per realizzare un olio di base più pura. Anche se a base di petrolio greggio, oli base del gruppo III sono talvolta descritti come idrocarburi sintetici. Come gli oli base del gruppo II, questi oli stanno cominciando ad essere più utilizzati.

Gruppo IV

Oli base del gruppo IV sono polialfaolefine (PAO). Questi oli base sintetici sono realizzati attraverso un processo chiamato sintesi. Hanno un range di temperatura molto più ampio e sono l’ideale per l’utilizzo in condizioni di freddo estremo e applicazioni di alto calore.

Gruppo V

Oli base del gruppo V sono classificate come tutti gli altri oli di base, tra cui silicone, estere fosfato, polialchilenglicole (PAG), poliolestere, biolubes, ecc. Questi oli base sono a volte mescolati con altri oli base per migliorare le proprietà del petrolio. Un esempio potrebbe essere un olio compressore a base PAO che viene miscelato con un Polyolester. Gli esteri sono comuni oli di gruppo V utilizzati in diverse formulazioni di lubrificanti per migliorare le proprietà dell’olio base esistente. Gli esteri soffrono a temperature più elevate e forniscono detergenza superiore rispetto ad un olio base sintetico PAO, che a sua volta aumenta le ore di utilizzo.

Ricordate, a seconda di quale olio di base di si sceglie, basta assicurarsi che sia appropriato per l’applicazione, la gamma di temperature e le condizioni del vostro impianto.

 

Oli per compressori d’aria MOBIL RARUS

 Categoria: Lubrificanti Industriali

L’aria è il gas compresso più diffuso. Il suo utilizzo, però, comporta due fattori che sottopongono il lubrificante a condizioni molto severe. Innanzitutto la temperatura dell’aria compressa è molto più elevata di quella atmosferica; in secondo luogo, l’aria atmosferica non è mai secca. Di conseguenza i lubrificanti per compressori d’aria sono esposti a condizioni di elevata ossidazione che possono condurre alla formazione di depositi carboniosi o di residui capaci di ostruire il filtro. I lubrificanti devono inoltre sopportare temperature molto elevate e sono sottoposti a filtrazioni sempre più spinte. Oltre a ciò, i lubrificanti che vengono a contatto con l’aria compressa possono accumulare grandi quantità di acqua  e devono essere quindi in grado di rilasciarla rapidamente.

I lubrificanti industriali Mobil mirano a soddisfare queste esigenze tecniche offrendo una linea completa di oli per compressori d’aria di qualità superiore idonei alle applicazioni più severe. I lubrificanti Mobil Rarus, minerali e sintetici, mirano a combinare nel migliore dei modi una lubrificazione efficace con costi di manutenzione contenuti e un ambiente di lavoro sicuro. La gamma di lubrificanti Mobil Rarus copre lo spettro completo delle tipologie di compressori alternativi, a palette e a vite in tutte le condizioni operative, sia in impianti fissi che mobili.

MOBIL RARUS 400: Una gamma di oli senza ceneri per compressori d’aria dalle prestazioni elevate, formulati con basi minerali a taglio stretto di alta qualità. Utilizzati in quasi tutti i compressori, alternativi, a vite, a palette con temperature di scarico fino a 150°C in impianti fissi e mobili. La gamma comprende i seguenti prodotti: Mobil Rarus 424 (ISO VG 32), Mobil Rarus 425 (ISO VG 46), Mobil Rarus 426 (ISO VG 68), Mobil Rarus 427 (ISO VG 100), Mobil Rarus 429 (ISO VG 150)

MOBIL RARUS 800: Lubrificanti sintetici a base di esteri studiati appositamente per l’utilizzo in compressori d’aria alternativi in condizioni severe e a temperature costantemente elevate, fino a 200°C. La gamma comprende i seguenti prodotti: Mobil Rarus 827 (ISO VG 100), Mobil Rarus 829 (ISO VG 150)

MOBIL RARUS SHC 1020: Lubrificanti per compressori d’aria di qualità superiore e totalmente sintetici per intervalli di cambio carica prolungati e temperature allo scarico fino a 200°C. Lubrificazione di turbocompressori e compressori d’aria a palette o a vite con raffreddamento a iniezione d’olio. Per impianti fissi e mobili. La gamma comprende i seguenti prodotti: Mobil Rarus 1024 (ISO VG 32), Mobil Rarus 1025 (ISO VG 46), Mobil Rarus 1026 (ISO VG 68)

 

Per ulteriori informazioni sui Mobil Rarus 424, 425, 426, 427, 429 o altri lubrificanti e servizi Mobil per le province di Vicenza, Padove e Verona contattaci al seguente indirizzo: info@creazzolubrificanti.it , saremo lieti di illustrarti le caratteristiche dei prodotti Mobil o di rispondere alle tue domande.

PRODOTTI MOBIL PER IL METALWORKING

 Categoria: Lubrificanti Industriali

La chiave della profittabilità di una azienda che si occupa di lavorazione dei metalli consiste nel produrre un pezzo nel momento in cui è effettivamente richiesto; in caso di guasto di un vostro impianto, la produzione ne risentirà rallentandosi e creando impatti critici nell’operatività che non permettono di essere competitivi.

Creazzo Lubrificanti lavora da oltre 40 anni per offrire valore aggiunto tramite lubrificanti e fluidi da taglio ad alte prestazioni accompagnati da programmi di supporto dettagliati, assistenza tecnica professionale e da professionisti nelle vendite. Tutti i nostri lubrificanti sono formulati per aiutarvi a mantenere ogni parte degli impianti funzionale ed al top dell’efficienza. Tutto questo lo offriamo per contribuire a farvi mantenere bassi costi operativi, dandovi certezze e tranquillità, per rendere il vostro lavoro più semplice possibile.

I NOSTRI PRODOTTI PER LA LAVORAZIONE METALLI

I tecnici e i ricercatori Mobil sono costantemente impegnati nella ricerca e nello sviluppo di lubrificanti per le nuove macchine utensili  e di fluidi per la lavorazione metalli per stare al passo con i tempi delle moderne esigenze dell’industria della lavorazione metalli. Questi lubrificanti, contenenti additivi dalle alte prestazioni ed oli base di qualità superiore, sono stati formulati per migliorare l’efficenza ed incrementare la produttività degli impianti. La nostra linea prodotti comprende:

La serie Mobil Vactra Oil di lubrificanti di qualità superiore per guide slitte: Mobil Vactra oil No. 1, 2, 3, 4

La serie Mobil Velocite Oil di lubrificanti a bassa viscosità per cuscinetti e mandrini: Mobil Velocite Oil No. 3, 4, 6, 10

La serie Mobil DTE 10 Excel dei lubrificanti all’avanguardia con prestazioni eccellenti per sistemi idraulici: Mobil DTE 10 Excel 15, 22, 32, 46, 68, 100, 150

La serie Mobil DTE 20 di lubrificanti ad alte prestazioni per sistemi idraulici: Mobil DTE 21, 22, 24, 25, 27

La seri Mobilmet e Mobilgrind di oli interi per il taglio, la smerigliatura e l’affilatura dei metalli

La serie Mobilcut di fluidi da taglio, a bassa manutenzione, solubili, per il taglio dei metalli e la rettifica

Inoltre i lubrificanti Mobil sono formulati per essere perfettamente compatibili tra loro. Ciò significa che i lubrificanti Mobil per guide slitte, oli idraulici e fluidi da taglio, sono concepiti per funzionare bene insieme, contribuendo a ridurre i fermi macchina, a risparmiare tempo ed inconvenienti con i diversi fornitori.

 

 

 

 

Nuova gamma MOBIL SUPER

 Categoria: Autotrazione leggera

La gamma di nuova generazione Mobil Super è stata introdotta per rispondere alle nuove tendenze di mercato degli oli motore. L’evoluzione della normativa ACEA e le nuove esigenze dei costruttori hanno consentito al gruppo Mobil di sviluppare una gamma di lubrificanti estremamente completa e di nuova generazione che permette di differenziare i livelli di prestazione e di rispondere alle diverse condizioni di utilizzo dei vostri motori.

L’evoluzione ha riguardato principalmente:

  • miglioramento del rendimento dei motori;
  • riduzione delle emissioni inquinanti;
  • diminuzione della nocività degli oli per i catalizzatori;
  • riduzione dei residui di combustione e fuliggine dell’olio;
  • riduzione della quantità di olio che fuoriesce del tubo di scappamento.

LA GAMMA MOBIL SUPER 3000

Mobil Super 3000 Formula LD 0W-30

Olio motore sintetico al 100% ad alte prestazioni per motori benzina e diesel leggeri. Assicura la durata e la pulizia del motore. Elaborato per rispondere alle più recenti esigenze del gruppo VW-Audi per un programma di manutenzione con cambio olio prolungato, associato a sensori elettronici di controllo del livello dell’olio.

Norme e specifiche: VW 503 oo, 506 00, 506 01

Mobil Super 3000 Formula R 5W-30

Olio motore sintetico al 100%,  realizzato appositamente per rispondere alle ultime specifiche Renault dei motori diesel più recenti con filtro antiparticolato.

Norme e specifiche: ACEA C4; Renault RN 0720

Mobil Super 3000 formula V 5w-30

Olio motore sintetico al 100% ad alte prestazioni per motori benzina e diesel leggeri. Realizzato per rispondere alle esigenze dei motori del gruppo VW-Audi per un programma di manutenzione con cambio olio distanziato, associato a sensori elettronici di controllo dello stato dell’olio.

Norme e specifiche: VW-Audi 504 00, 507 00; Porsche C30

Mobil Super 3000 XE 5W-30

Olio motore realizzato per rispondere alle ultime specifiche richieste dai costruttori. Compatibile con tutti i filtri antiparticolato diesel e marmitte dei motori a benzina più recenti. con un basso tenore di ceneri, è destinato ad aumentare la durata e l’efficacia dei sistemi di riduzione delle emissioni dei motori diesel e benzina. Consente di risparmiare sul consumo di carburante.

Norme e specifiche: ACEA C3, A3/B3, A3/B4; API SM/CF; BMW LL-04; Ford WSS-M2C917-A; GM Dexos 2; MB 229.31, 229.51; VW 502 00, 505 00, 505 01

Mobil Super 3000 Formula P 5W-30

Olio motore sintetico al 100%di qualità eccezionale, destinato ad aumentare la durata e l’efficacia dei sistemi di riduzione delle emissioni (Filtro Antiparticolato e marmitta catalitica). Mobil Super 3000 Formula P 5W-30 offre i seguenti vantaggi:

  • risparmio sui consumi di carburante
  • ridotte emissioni del motore per contribuire alla salvaguardia dell’ambiente
  • avviamento a freddo più veloce
  • ottima protezione anti-usura

Norme e specifiche: ACEA C2; API CF; Peugeot Citroen B71 2290

Mobil Syst S Special V 5W-30

Olio ad alte prestazioni con basso tenore di ceneri per motori diesel che utilizzano una composizione a base sintetica. Destinato principalmente a motori diesel Volkswagen con pompa ad iniezione che deve utilizzare un olio approvato dalla norma VW 505 01.

Norme e specifiche: ACEA A3/B3, A3/B4, C3; API CF/SL; BMW LL-04; Ford WSS-M2C917-A; VW 502 00, 505 00, 505 01

Mobil Super 3000 X1 5W-40

Olio motore sintetico per motori benzina e diesel offre i seguenti vantaggi:

  • adatto alle condizioni di utilizzo intenso
  • ottime proprietà lubrificanti alle alte e alle basse temperature
  • ottima pulizia per una lunga durata del motore

Norme e specifiche: ACEA A3/B3, A3/B4; API SM/CF; Peugeot Citroen B71 2296; Renault RN 0710; BMW LL-01; Fiat 9.55535-N2; GM LL-B-25; MB 229.3; Porsche A40; VW 502 00, 505 00

LA GAMMA MOBIL SUPER 2000

Mobil Super 2000 Formula P 10W-40

Olio motore semi-sintetico di alta qualità formulato per fornire un livello superiore protezione e prestazioni. Assicura una buona protezione una durata del motore prolungata grazie alle proprietà anti-usura.

Norme e specifiche: ACEA A3/B3, A3/B4; API SL/CF; Peugeot Citroen B71 2294; Renault RN 0700

Mobil Super 2000 X1 10W-40

Olio motore semi-sintetico di alta qualità formulato per fornire un livello superiore protezione e prestazioni. Assicura una buona protezione una durata del motore prolungata grazie alle proprietà anti-usura.  Mobil Super 2000 X1 10W-40 offre i seguenti vantaggi:

  • stabilità termica all’ossidazione
  • ottima protezione contro l’usura e formazione di morchia

Norme e specifiche: ACEA A3/B3; API SL/CF; MB 229.1; VW 500 00, 505 00

MOBIL RARUS Serie 400

 Categoria: Lubrificanti Industriali

I Mobil Rarus della serie 400 sono lubrificanti formulati con basi minerali di elevata qualità senza ceneri e speciali additivi idoneo per le lubrificazioni in severe condizioni.

Impiego

Sviluppato per essere impiegato nella lubrificazione di compressori aria e pompe a vuoto sia rotativi (vite e palette) che alternativi (pistoni) come anche per compressori centrifughi per la lubrificazione dei cuscinetti anche in condizioni di esercizio particolarmente severe. Trova impiego nei compressori e nelle pompe a vuoto di ogni tipo e marca.

Proprietà

Grazie alla particolare formulazione questo lubrificante è caratterizzato da ottima stabilità all’ossidazione ed alle alte temperature, eccellente filtrabilità, ottima protezione contro la corrosione, potere antischiuma e antiusura, bassa tendenza alla formazione di morchie e residui carboniosi, basso punto di scorrimento.

Applicazioni

I lubrificanti Mobil Rarus serie 400 sono raccomandati compressori mono e pluristadio. Sono particolarmente efficaci in condizioni operative continue con elevate temperature, dove la temperatura alla mandata arrivi fino a  150 °C. La temperatura massima dell’aria compressa, secondo DIN 51506, è pari a220 °C. Sono adatti per macchine rotative ed alternative, la gradazione di viscosità più fluida è principlamente utilizzata sulle macchine 1 of 3 rotative. Gli oli della serie Rarus 400 sono raccomandati per unità su cui si siano riscontrate situazioni di eccessiva degradazione dell’olio, scarsa prestazione della valvola e formazione di depositi. Sono compatibili con tutti i metalli utilizzati per la fabbricazione dei compressori, e con tutti gli elastomeri utilizzati per le guarnizioni, le tenute e gli O-rings compatibli con gli oli minerali. I lubrificanti Mobil Rarus serie 400 Series non sono adatti, né raccomandati nei compressori per aria respirabile.

Le seguenti tipologie di compressori hanno mostrato delle prestazioni eccellenti con i lubrifcanti Mobil Rarus serie 400:

• Carter e cilindri di compressori d’ aria alternativi

• Compressori rotativi a vite

• Compressori a palette

• Compressori assiali e centrifughi

• Compressori con ingranaggi e cuscinetti critici

• Compressori utilizzati in applicazioni stazionarie o mobili

Questo prodotto risulta compatibile con tutti gli elastomeri e le vernici normalmente utilizzate. Risulta inoltre compatibile con la maggior parte dei lubrificanti comunemente impiegati in queste applicazioni. Per ulteriori informazioni in merito, Vi consigliamo di contattare i nostri Tecnici prima di utilizzare il prodotto.

 Gradazioni ISO

MOBIL RARUS 424 — ISO VG 32

MOBIL RARUS 425 — ISO VG 46

MOBIL RARUS  426 — ISO VG 68

MOBIL RARUS 427 — ISO VG 100

MOBIL RARUS 429 — ISO VG 150

Per ulteriori informazioni sui Mobil Rarus 424, 425, 426 o altri lubrificanti e servizi Mobil per le province di Vicenza, Padove e Verona contattaci al seguente indirizzo: info@creazzolubrificanti.it , saremo lieti di illustrarti le caratteristiche dei prodotti Mobil o di rispondere alle tue domande.

 

 

 

UNIREX N

 Categoria: Lubrificanti Industriali

GRASSI MULTIFUNZIONALI AL SAPONE COMPLESSO DI LITIO

I grassi Mobil Unirex N sono formulati con un olio di base minerale paraffinico ed un particolare ispessente , un sapone al litio complesso. Il particolare ispessente dà a questi grassi utili proprietà come: resistenza all’acqua e alle alte temperature, stabilità meccanica e caratteristiche antiusura. i grassi Unirex N contengono additivi antiossidanti ed anticorrosione.

APPLICAZIONI

Gli Unirex N sono grassi multifunzionali con elevata durata di esercizio adatti per tutti i tipi di cuscinetti dove il tempo di vita è molto importante. Le temperature operative sono comprese tra -30° e 170°C. Se usati ad alte temperature gli intervalli di lubrificazione devono essere ridotti per assicurare una buona lubrificazione. L’Unirex N 2 può essere applicato con sistemi manuali o con pistola. L’Unirex N 3 può essere impiegato nella lubrificazione dei motori elettrici e per i cuscinetti lubrificati a vita, risulta inoltre efficace nelle applicazioni caratterizzate da elevate temperature ad es. cuscinetti per carrelli e convogliatori di forni, forni rotativi e macchinari posti vicino a fonti di calore.

VANTAGGI

Adatti per cuscinetti anti-attrito dove la durata in esercizio è particolarmente importante.

Ottima resistenza all’acqua ed al dilavamento.

Buone proprietà di stabilità meccanica.

Vasto campo di applicazione.

Ampio campo di temperatura operativa.

UNIREX N 2
  • Gradazione NLGI – 2
  • Viscosità olio di base – 110
  • Tipo di sapone – litio complesso
  • Penetrazione lavorata – 280
  • Punto di goccia – 280°C
UNIREX N 3
  • Gradazione NLGI – 3
  • Viscosità olio di base – 110
  • Tipo di sapone – litio complesso
  • Penetrazione lavorata – 235
  • Punto di goccia – 280°C

 

LUBRIFICANTI ALIMENTARI

 Categoria: Lubrificanti Industriali

La sicurezza per l’industria alimentare è uno degli aspetti primari da osservare oggi. Minimizzare il rischio di contaminazione, garantire la massima sicurezza d’impiego  e soddisfare pienamente le esigenze prestazionali di lubrificazione rappresenta l’obiettivo dei lubrificanti “food safe”.

                                                        

La NSF International (National Sanitation Foundation) è la sola autorità riconosciuta a livello internazionale per testare ed approvare i lubrificanti alimentari. Tutti i prodotti registrati NSF sono classificati secondo i codici di categoria H1 e H2 e sono listati nel sito web www.nsf.org, in modo che gli acquirenti di lubrificanti ed i responsabili di manutenzione possano verificare in un istante lo stato di registrazione del prodotto. Tutti i prodotti registrati NSF presentano il marchio NSF sull’imballo insieme al numero specifico di registrazione.

Olio alimentare Mobil

I Mobil DTE serie FM sono lubrificanti ad alte prestazioni specificamente sviluppati per soddisfare una vasta gamma di applicazioni per i macchinari della industria alimentare e degli imballaggi alimentari. Questi lubrificanti sono qualificati come NSF H1 e incontrano i requisiti del Titolo 21 CFR 178.3570 della Food and Drug Administration (USA) per lubrificanti che possono avere contatto accidentale con i prodotti alimentari. Questi lubrificanti premium,sono inodore ed incolore e sono formulati con oli base ed additivi non tossidci di grado NSF/FDA . Il sistema di additivi fornisce buone proprietà antiusura,eccellente stabilità ossidativa e protezione dalla ruggine. Essi garantiscono buona pulizia del sistema, lunga vita dell’olio e dei filtri ed una ottimale protezione dei macchinari. I Mobil DTE della serie FM Series sono eccellenti oli per ingranaggi,cuscinetti e sistemi a circolazione in genere. Sono anche adatti per soddisfare i gravosi requisiti dei componenti nei sistemi idraulici con servovalvole a bassa tolleranza e l’alta accuratezza richiesta dalle macchine a controllo numerico. Questi prodotti incontrano i piu’ rigorosi requisiti prestazionali di una vasta serie di costruttori di sistemi e componenti aventi varia metallurgia ei diversa progettazione.